mercoledì 18 novembre 2015

[Fai da te] Laboratorio di cosmesi naturale fai da te. La mia prima esperienza con lo spignatto!

Oggi voglio condividere con voi una bellissima esperienza. Come forse sapete ho sempre considerato lo spignatto un'arte a cui dedicarsi con cura, studio e dedizione. Non l'ho mai sottovalutato anzi, l'ho sempre considerata una cosa molto seria, da affrontare solo se adeguatamente preparati. Per questo finora non mi ero mai approcciata a questo mondo.

Fino a quando l'azienda agricola Cassani Alberto (un'azienda del mio paese attenta ai temi dell'ecosostenibilità, dell'agricoltura biologica e biodinamica) ha organizzato un laboratorio di cosmesi naturale fai da te.
Chiamo appena vedo la locandina per avere maggiori informazioni e scopro che molto probabilmente l'incontro sarebbe stato puramente teorico/visivo. A questo punto non avevo più scuse per tirarmi indietro: il posto mi era vicinissimo, organizzato da una realtà che conosco e stimo, non potevo neppure fare appello alle mie mancanze dal momento che dovevo solo andare, sedermi, ascoltare, vedere e cercare di portarmi a casa più nozioni possibili, per cui prenoto e sabato vado all'incontro.


Arrivata conosco Monica, la nostra maestra, sua figlia Beatrice e le mie compagne di corso. In tutto eravamo in 8, a mio parere il numero ideale: si è subito creato un ambiente amichevole e familiare e Monica è riuscita a seguirci tutte a dovere.
Il laboratorio è dunque cominciato con una breve introduzione teorica. Per prima cosa abbiamo affrontato le motivazioni per le quali passare all'autoproduzione. Queste motivazioni sono del tutto soggettive per cui possono essere le più svariate e tante. Fra queste possiamo trovare ad esempio la tutela della nostra salute e/o di quella dell'ambiente che ci circonda, un risparmio economico oppure ancora l'autostima e la soddisfazione del "l'ho fatto io".
Abbiamo poi intrapreso lo scottante e rivelatorio tema "inci" e l'importanza di una cosmesi consapevole ed ecosostenibile. Su questo non mi dilungo dato che è il tema principale di questo blog e di conseguenza già trattato lungamente.
Infine abbiamo affrontato la parte che personalmente ho trovato più interessante, ovvero quella conoscitiva sugli ingredienti delle ricette che avremmo visto in seguito. Ho scoperto e approfondito quindi le caratteristiche e le proprietà di burro di cacao, burro di karité, cera d'api, olio di ricino, olio di cocco, acido citrico e del bicarbonato. Grande attenzione è stata data agli oli essenziali (trattati sia in generale che nello specifico, in particolare quelli di eucalipto, menta, arancio dolce, pino, tea tree e lavanda) e ai conservanti.


A questo punto ci siamo spostati in cucina per la parte pratica. Tranquillissima che sarei stata solo a vedere scopro invece che avremmo dovuto fare noi i prodotti. Attimi di panico e terrore, ero davvero impaurita. Sono andata per ultima (e solo perché Beatrice, che ora ringrazio infinitamente, mi ha chiesto per ben due volte di provare) e seppur confortata dal fatto che c'era Monica a seguirmi pasticciona come sono temevo davvero di far danni.
Le ricette che Monica ci ha cortesemente portato erano 4 e riguardano un burro corpo solido, delle pastiglie effervescenti da usare in caso di raffreddore per suffumigi, un burro cacao labbra e un unguento/pomata balsamica. Erano tutte molto semplici, adattissime a chi come noi è alle prime armi. Ci siamo molto divertite a cimentarci in questa nuova impresa e a vedere come piccoli e semplici gesti hanno portato alla creazione di un cosmetico ben fatto e funzionale nonché bello grazie all'uso degli stampi.



Questa è la cosa che più mi ha colpito del laboratorio. L'aver realizzato che sì le mie idee erano e sono reali, non ci si improvvisa formulatori, ma che potevo e dovevo ridimensionarle. Se si rimane su cose semplici spignattare è fattibile e soddisfacente!

A fine corso ci siamo divise i nostri lavori. Io ho portato a casa il burro corpo, il burro cacao (che sto già usando e a parte la scomodità del vasetto trovo davvero buono) e una pastiglia effervescente.

Perdonate la pessima qualità della foto

L'esperienza è stata a dir poco positiva, penso proprio che avrà un seguito. Ringrazio Monica che ha saputo introdurci in questo mondo in modo semplice, divertente ed efficace. E' stato davvero piacevole spignattare insieme a lei.  


Lily

"Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo" Gandhi

2 commenti:

  1. Oltre a tutto il resto mi incuriosiscono soprattutto le pastiglie effervescenti. Ho cercato ora notizie sull'autoproduzione e non pensavo fossero un prodotto così semplice da fare adatto anche per chi è alle prime armi. Per di più a casa ho tutti gli ingredienti quindi, vista la stagione, penso proprio che mi cimenterò. Grazie mille per lo spunto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di nulla! Anch'io non le credevo facilmente fattibili, mi sono proprio dovuta ricredere :)

      Elimina

Grazie per il tuo commento, il vostro riscontro è molto prezioso! :D
Ti chiedo cortesemente di non lasciare spam e di usare un linguaggio consono ed educato. Tutti i commenti che non rispettano questi due punti verranno automaticamente cancellati.

 

Copyright @ 2013 Breakfast at Lily's.